Il progetto - edizione 2019

EDIZIONE 2019 

Quadri a richiesta

ArCoEs è un’associazione di Promozione Sociale con esperienze in ambito artistico, psicologico, pedagogico e umanistico. Propone principalmente l’arte e la creatività in progetti di prevenzione, riabilitazione e terapia. I suoi ambiti d’intervento si estendono alla cultura dell’infanzia e dell’adolescenza, la divulgazione dell’arte contemporanea e la progettazione in ambito sociale e psicopedagogico. Opera dal 1999 a livello locale e nazionale. Il progetto Museo in Transito è concepito come un insieme di azioni di divulgazione culturale per la conoscenza del patrimonio artistico della Sardegna. Finalità del progetto è utilizzare il linguaggio dell'arte per ricucire il tessuto urbano e sociale, creare nuovi legami e scambi tra stratificazioni sociali e territori e promuovere il Trasporto Pubblico come veicolo di divulgazione culturale. Tutte le precedenti 4 edizioni di Museo in Transito hanno avuto come finalità la reinterpretazione di opere della tradizione e del contemporaneo con una metodologia di analisi che ha portato i ragazzi ad entrare nel processo artistico per poterlo reinterpretare secondo i loro riferimenti estetici ed esperienziali. Di anno in anno Museo in Transito si è definito sempre più come un format applicabile a Istituti Scolastici diversi ed attuabile anche a livello nazionale.  Studenti con diversi percorsi scolastici si confrontano con le opere di una Collezione o di un Museo al fine di realizzarne di nuove che a queste si ispirano. Ogni anno viene individuato un tema diverso che si realizza attraverso l'analisi dell'opera scelta da ognuno attraverso la sua destrutturazione e all'individuazione di una nuova opera che conterrà elementi dell'originale rivisitati in base alle esperienze e ai riferimenti artistici di ciascun ragazzo. Le opere realizzate trovano posto in mostra affianco all'originale che le ha ispirate mentre la loro copia va ad allestire i bus e le pensiline del CTM (Consorzio Trasporti Municipale). Nel 2019 - V edizione - collaboreremo con le iniziative dedicate all'arte contemporanea, didattica ed esposizione, in programma all'EXMA (Centro per l'Arte Contemporanea) con le seguenti azioni: 1) allestimento di una o più linee cittadine del CTM, con diversi formati adesivi con la rielaborazione delle opere realizzate  in questi anni dai ragazzi ai fini dell'utilizzo del mezzo pubblico anche in funzione turistica. 2) Integrazione del progetto nella programmazione didattica dell'EXMA rivolta ad adolescenti e giovani adulti, che rielaboreranno le opere delle mostre in programma per realizzare nuovi oggetti. 3) Realizzazione delle performance itineranti tra EXMA e altri musei e luoghi d'arte cittadini, in modo che i ragazzi possano attivare connessioni e legami tra opere contemporanee e opere storicizzate 4) Spazi di aggiornamento per insegnanti per affrontare creativamente l'insegnamento della storia dell'arte e stimolare la creatività giovanile. 5) Collaborazione con il festival SKEPTO – International Film Festival, per la realizzazione di corti che coinvolgano i passeggeri  aventi come tema l'arte contemporanea. Le collaborazioni fondamentali alla realizzazione portate avanti per 4 anni: le scuole, un Museo o con una Collezione d'arte e il CTM (Azienda Municipale dei Trasporti).  All'iniziativa collaborano diversi attori: il centro per l'arte contemporanea EXMA, l'Azienda di trasporti CTM, l'ass. di fotografi Effezero, L'ass. Microfratture Teatro, Unica Radio, ANISA (Ass. Naz. Inseg. Storia dell'Arte - sede di Cagliari), la Galleria Comunale di Cagliari.

PATROCINI E COLLABORAZIONI GIÀ ATTIVATE PER IL PROGETTO

Ogni organismo coinvolto, scuola, istituzione culturale, azienda dei trasporti pubblici, associazione del territorio, ha un ruolo fondamentale e, con la sua specificità, contribuisce all’organizzazione e alla riuscita di questo progetto.

La rete nel suo insieme risponde al bisogno di rafforzare il rapporto dei giovani con il territorio, incentivando il senso di appartenenza ad una comunità e il rispetto del bene comune, nonchè a sensibilizzare la cittadinanza ai temi dell'arte e del patrimonio a disposizione in Sardegna.

 Oltre le scuole, un Museo o una Collezione d'arte e il CTM (Azienda Municipale dei Trasporti), per il 2019 all'iniziativa collaborano diversi attori: il centro per l'arte contemporanea EXMA, l'Azienda di trasporti CTM, l'ass. di fotografi Effezero, L'ass. Microfratture Teatro, Unica Radio, ANISA (Ass. Naz. Inseg. Storia dell'Arte - sede di Cagliari), la Galleria Comunale di Cagliari. La presenza di ciascuno permette la realizzazione di una parte del progetto, ognuno con le sue specifiche funzioni: la disponibilità logistica del Museo o della galleria e dell'azienda CTM che offrono rispettivamente i propri spazi e la visibilità al progetto;  l'associazione Microfratture Teatro che porta la sua esperienza in ambito performativo, e la presenza del Liceo Artistico F. Fois, Liceo Classico Dettori e Istituto Professionale Pertini, che offrono la possibilità di coinvolgere i giovani nella promozione di attività culturali in ambito educativo. Inoltre la collaborazione con Anisa (Associazione Nazionale Insegnanti di Storia dell'Arte) supporterà la ricerca nell’ambito dell’ educazione alle arti visive nelle scuole ai fini di sperimentare un metodo didattico per l’integrazione delle periferie urbane attraverso esperienze artistiche e storico artistiche e di cittadinanza attiva e consente l'organizzazione di aggiornamento per insegnanti per affrontare creativamente l'insegnamento della storia dell'arte.